ACCADEMIA BARTOLOMEO CRISTOFORI

amici del fortepiano

 
 

L’Accademia Bartolomeo Cristofori, fondata a Firenze nel 1989 per iniziativa di un gruppo di amici appassionati di musica e di strumenti antichi, ha avuto come obiettivo proprio quello di creare un centro, unico in Italia, dedicato interamente al fortepiano così da avere la possibilità di far musica su strumenti originali e studiare in profondità gli stili interpretativi ed esecutivi a questi connessi.

Naturalmente vi erano molti ostacoli alla formazione di quella che doveva divenire l’Accademia Bartolomeo


CONSIGLIO DIRETTIVO




Presidente
Sigfrido Fenyes

Vice Presidente
Sergio Chiostri

Direttore Artistico 
Stefano Fiuzzi



CONSIGLIERI




Alberto Batisti
Federico Frediani

Elisabetta Frigerio
Agnese Mazzei
Riccardo Monni
Fiamma Nicolodi
Antonello Palazzolo

Annamaria Petrioli Tofani
Riccardo Risaliti
Gabriella Rousseau
Carlo Sisi
Francesco Steidl
Daniele Spini



COMITATO D’ONORE




Paul Badura-Skoda †
Luciano Berio † 
Franco Buitoni † 
Jörg Demus †
Claudio Scimone †
L. Ferdinando Tagliavini †
Rosalyn Tureck † 

Yang Jun † 

John Henry van der Meer † 
Roman Vlad †

 Marcello Abbado

Luciano Alberti  

Nicola Costa  

Antonio Latanza

Stefano Passigli

Piero Rattalino 



MAESTRO COORDINATORE




Rodolfo Alessandrini

 

CHI SIAMO

Cristofori, non ultimo l’argomento finanziario. L’incontro con il famoso banchiere Alberto Milla, grande appassionato di musica, rese possibile la creazione dell’Accademia con l’acquisizione di uno spazioso edificio situato nel cuore di Firenze nel popolare quartiere di San Frediano, presumibilmente non troppo lontano dal luogo in cui Bartolomeo Cristofori, l’inventore del pianoforte, aveva il suo laboratorio tre secoli fa. L'edificio fu poi suddiviso in un grande spazio espositivo, uffici, una biblioteca e un auditorium con la capienza di circa 120 posti che ci permette la possibilità di organizzare concerti di musica da camera, conferenze e Master-Classes.

Accanto all’Accademia fu in seguito possibile acquisire un altro spazio in modo da creare un Laboratorio di restauro altamente specializzato nel recupero e nella manutenzione dei fortepiani. Il primo passo fu quello di mettere insieme una collezione di strumenti di particolare interesse storico, che salvati dall'oblio e riportati alla loro originaria efficienza, potessero di nuovo essere ascoltati con il loro suono originale. Il passo successivo fu quello di iniziare una intensa attività dedicata principalmente alla diffusione della cultura e della storia del fortepiano attraverso la costituzione di una biblioteca specializzata, un archivio di documenti sulla storia, la costruzione e i metodi di insegnamento dello strumento, e seminari di interpretazione tenuti dai più rinomati esperti. La principale attività dell’Accademia Bartolomeo Cristofori è però rappresentata dai concerti - da venticinque a trenta all’anno - in un periodo che va da settembre fino a tutto giugno: concerti che hanno ospitato i più bei nomi del panorama concertistico mondiale e che hanno eseguito programmi di grande interesse culturale, spaziando dal repertorio più conosciuto “rivisitato” su strumenti originali, a pagine dimenticate scritte per il fortepiano sia come strumento solista, sia come parte di un ensemble cameristico. Perciò accanto ai famosi Haydn, Mozart, Beethoven e Schubert, le cui opere stiamo tentando di percorrere interamente, i nostri concerti includono musiche di Hummel, Reicha, Czerny, Clementi, Henselt, Field, e molti molti altri le cui opere sono state così spesso dimenticate - ingiustamente se si considera la loro importanza per l’evoluzione e la formazione degli stili classico e preromantico.

Abbiamo anche dedicato e dedichiamo una grande attenzione ai Lieder, con l’esecuzione dei grandi cicli completi di Schubert, Schumann, Weber e di Mendelssohn. Alan Curtis, Paul Badura-Skoda, Jörg Demus, Alexander Lonquich, Rosalyn Tureck, Malcolm Bilson, Laura Alvini, Melvyn Tan, Robert Könen, Stanley Hoogland, Andreas Staier, Ton Koopman sono soltanto alcuni fra gli artisti che hanno suonato nei nostri concerti, spesso estendendo la loro partecipazione anche in veste di docenti durante Master-Classes organizzate dall’Accademia. Gli strumenti usati nei nostri concerti, tutti restaurati e costantemente controllati nell’adiacente Laboratorio di restauro diretto da Donatella De Giampietro, sono principalmente un fortepiano di Johann Schantz datato alla fine del ‘700, un Rosemberger dello stesso periodo, un Anonimo settecentesco italiano, due strumenti di Conrad Graf (n° 362 e 1041) un Lange del 1835, un Simon e uno Schrimpf dello stesso periodo, un Pleyel del 1849 e altri strumenti di meno conosciuti costruttori, ma ugualmente appropriati per le nostre necessità. Due organi antichi recentemente acquisiti hanno dato la possibilità di organizzare concerti e seminari tenuti da artisti quali Luigi Ferdinando Tagliavini, Christopher Stembridge, Pier Paolo Donati e Stefano Innocenti.

L’Accademia Bartolomeo Cristofori che è abitualmente riconosciuta dal logo “ABC”, collabora in modo continuativo con altre prestigiose istituzioni musicali e accademiche quali il Conservatorio “Cherubini” di Firenze, il Centro “Tempo Reale” diretto da Luciano Berio, gli “Amici della Musica” di Firenze, il Centro di studi musicali “F. Busoni” di Empoli, il Centro fiorentino di Storia e Filosofia della Scienza e molti altri. La sala dell’Accademia e i suoi strumenti sono anche spesso impiegati per registrazioni. Nel 1993 l’Accademia Bartolomeo Cristofori è stata insignita del prestigioso premio “Franco Abbiati” dalla Società dei Critici Musicali Italiani come migliore istituzione musicale italiana per le sue iniziative culturali.